Medicina narrativa

 

Isabella Bossi Fedrigotti

Maurizio Cucchi

 

Quei giorni senza tempo

Storie di sepsi dalla terapia intensiva


2016


Pagg. 88


ISBN 9788883367038
Euro 12,00

 

F.to cm 16x23

Esperienze vissute in una dimensione sospesa. Sono le storie di medici e pazienti raccolte direttamente da Isabella Bossi Fedrigotti e Maurizio Cucchi che hanno come filo conduttore la sepsi – una sindrome subdola, difficile da combattere e spesso letale – e un reparto, la Terapia Intensiva, che rappresenta un “mondo ignoto” e spesso spersonalizzante. Sette storie che si dipanano tra la vita e la morte raccontate con sorprendente naturalezza dai protagonisti e tradotte in emozioni positive dagli autori che hanno trovato nel loro stesso palpabile coinvolgimento e nella loro arte la forza per portarle fino a noi con uno stile che va ben oltre la cronaca, per farle diventare sostanza letteraria. Il libro fa parte di un progetto di medicina-narrativa, promosso da Biotest e realizzato in partnership con SIAARTI (Società Italiana di Anestesia Analgesia Rianimazione e Terapia Intensiva) per sensibilizzare l’opinione pubblica, le Istituzioni e tutta la comunità scientifica su una patologia responsabile di 60.000 morti all’anno solo in Italia.

 

 

ISABELLA BOSSI FEDRIGOTTI
Scrittrice e giornalista. Tra i suoi romanzi: Casa di guerra (finalista allo Strega e al Campiello nel 1983), Di buona famiglia (Super Campiello nel 1991), Magazzino vita (1996), Il catalogo delle amiche (1998), Cari saluti (2001), Il primo figlio (2008), Se la casa è vuota (2010). Scrive da molti anni sul «Corriere della Sera». Dal 2004 è presidente del premio Bagutta, il più antico premio letterario italiano.

 

MAURIZIO CUCCHI
Poeta e scrittore. Nel 1983 vince il Viareggio-Rèpaci con Glenn, nel 2014 vince il Bagutta con Malaspina. Tra i suoi libri di poesie: Il disperso (1976), Donna del gioco (1987), La traversata di Milano (2007), Vite pulviscolari (2009), Poesie 1963-2015 (2016). Tra i suoi romanzi: Il male è nelle cose (2005), La maschera ritratto (2011), L’indifferenza dell’assassino (2012).