Franco Giuffrida

 

Riformisti

Un sindacato moderno che trae forza dalle sue origini


2018


Pagg. 520


ISBN 9788883367052
Euro 18,00

 

F.to cm 14x21

Il racconto dall’interno del percorso del più grande sindacato italiano dal 1994 al 2008 da parte di chi ha avuto incarichi importanti, prima come segretario della FILT (Fed. Italiana Lavoratori del Trasporto) Lombardia e poi come membro della Segreteria Regionale lombarda della CGIL. Ricordi precisi dell’attività sindacale, uniti a ricordi personali, dove trovano spazio anche le varie posizioni presenti nel sindacato, diverse, come è giusto che sia in una realtà dialettica. L’Autore, lo dice chiaramente, appartiene alla corrente dei Riformisti. In un mondo in cambiamento, anche il mercato del lavoro non rimane statico. Ecco allora le opportunità e gli appuntamenti mancati da parte della CGIL, forse troppo immobile di fronte alla nascita di posizioni lavorative nuove e alla scomparsa di alcune di quelle vecchie e poco ricettiva dei movimenti del mercato. Tutelare i lavoratori e permettere l’inserimento di forze nuove significa capire il cambiamento e muoversi di conseguenza, senza arroccarsi su posizioni veterosindacali. Non recepire le nuove istanze, oltre a causare le dimissioni del Nostro, porta all’attuale situazione, con il sindacato che perde rappresentatività e iscritti.

 

Franco Giuffrida è nato a Catania il 10 giugno 1949. Dal 1969 vive a Milano dove ha svolto la professione di ferroviere fino al 1984. In seguito si è dedicato a tempo pieno al sindacato ferrovieri della Filt Cgil. Nel 1994 è diventato segretario generale del sindacato trasporti della Cgil della Lombardia per poi ricoprire dal 2002 al 2008 l’incarico di segretario confederale della Cgil Lombardia. Nel 2015 ha pubblicato con Eir Un treno carico di diritti, una sorta di romanzo autobiografico dove ripercorre la storia dell’Italia dagli anni ’60 agli anni ’80 e di cui questo volume costituisce l’ideale seguito e complemento.