Le migliori voci della nuova poesia italiana

Le migliori voci della nuova poesia italiana

Massimo Dagnino
Massimo Dagnino
Presente continuo
9,00 €
9,00 €

Un uomo osserva, ragiona. Il suo occhio è acutissimo. È immerso nel paesaggio, o nei reticoli della città e sembra quasi dimentico di se stesso. Quello che lo attrae è il mondo esterno, nella sua storicità, nella sua architettura, e dunque nel suo essersi costruito passo su passo realizzando un tutto variegato, da cui l’osservatore è catturato. Gli oggetti sembrano dilatarsi e diventare altro, in una sorta di strana geografia esattissima e ansiosa. E in quel paesaggio, in quella realtà esterna minuziosamente indagata, anche la vita emotiva dell’osservatore

“trasmigra” e si moltiplica nel mare delle cose e della folla.

Massimo Dagnino è poeta di singolare qualità e di particolarissime ossessioni. Disegnatore abilissimo, porta sulla pagina l’esattezza tenace e il perfezionismo che ne caratterizzano il tratto. C’è una sorta di furore matematico nel suo procedere, nel suo incontrare “strane architetture” e nel suo darne conto in versi variabili e sempre efficaci, duttili eppure asciuttissimi, e in un tono in apparenza del tutto freddo e razionale, come oggettivo. Appare un possibile legame naturale con un poeta di lui più anziano e dunque più noto come Giampiero Neri. Dagnino, in effetti, non conosceva l’autore di Teatro naturale, quando scriveva i suoi primi versi, ma, per due ragioni almeno, il rapporto con questo maestro della nostra poesia contemporanea ha un senso. In primo luogo perché, come Neri, l’autore di questo libro si muove nel preciso intento di realizzare una sorta di work in progress e, infatti, qui riprende e ingloba il lavoro precedente Verso l’annichilirsi del disegno... C’è una forte tensione progettuale - architettonica - nell’opera di Dagnino. Inoltre, una sua precisa virtù (e qui torna il rapporto-confronto con Neri) è nella capacità di muoversi in un ambito non lirico, o addirittura prosasticamente “impoetico”, componendo peraltro un’elegantissima tessitura poetica di quasi classica compostezza, di sicura dignità formale. Ma soprattutto, sia chiaro, al di là della sua vicinanza con altri autori del nostro tempo, la sua è una voce del tutto autonoma e dunque molto originale, tanto da essere già perfettamente riconoscibile per la complessa singolarità della sua proposta.

Acquista su

ISBN 9788883360152
Prezzo: 9,00 €
Formato: cm 11,5x21
Anno: 2007
Numero Collana: 15
Pagine: 72
Massimo Dagnino

Massimo Dagnino è nato a Genova nel 1969. Sue poesie sono apparse in alcune riviste («Lo Specchio» de La Stampa, «Almanacco del Ramo d’Oro», ecc…). Verso l’annichilirsi del disegno… (LietoColle, 2004) è il primo libro in versi, con il quale ha vinto i premi Franco Matacotta e Orta San Giulio 2004 sez. Opera Prima. Ha tradotto per la prima volta in italiano il pittore e poeta americano Thomas Cole (In «Almanacco dello Specchio» n° 2, nuova serie, Mondadori, 2006). Nel campo artistico ha realizzato diversi libri d’arte in copia unica (Sili, Taccuino, Storia dell’architettura e oblio: Ludwig Persius, Atlante…).

Premi e Riconoscimenti 

Premio "Poesia Giovane" al X Concorso Internazionale "Trieste Scritture di frontiera – dedicato a Umberto Saba", 2008

Recensioni

Libri della stessa collana

JOB0023BORTOLUSSI_Copia di COP
Stefano Bortolussi
Esilienze
12,00 €
JOB0023CESCON_Copia di COP
Roberto Cescon
Natura
14,00 €
JOB00023NERI_Copia di COP
Giampiero Neri
Un difficile viaggio
16,00 €
JOB0023FUNGI_Copia di COP
Giovanna Fungi
Sono piena di parole
16,00 €
N-eide
Maurizio Clementi
N-eide
11,00 €
Primo piano increspato
Emilia Barbato
Primo piano increspato
11,00 €
Solo un colombo azzurro
Anna Maria Di Brina
Solo un colombo azzurro
14,00 €
I decaloghi spezzati
Sebastiano Mondadori
I decaloghi spezzati
12,00 €
Chiedi a ogni goccia il mare
Antonella Sbuelz
Chiedi a ogni goccia il mare
14,00 €