Arti grafiche

 

 

 

Casa editrice

 

NEWS… NEWS… NEWS…

 

Alessandro Canzian a pordenonelegge

Venerdì 18 settembre 2020 - ore 18.00

Loggia del Municipio, Corso Vittorio Emanuele II, Pordenone.

 

Presentazione de Il condominio S.I.M.

PER  GABRIELE  GALLONI

 

La Giuria del Premio Maconi, composta da  Maurizio Cucchi (presidente), Giuliana Nuvoli, Valeria Poggi, Giancarlo Pontiggia, Mario Santagostini, Mary Barbara Tolusso e la Casa editrice Stampa 2009, nella persona di Marco Andrea Borroni, hanno conosciuto Gabriele Galloni attraverso le sue poesie e lo hanno inserito nella terna della Sezione Giovani della nona edizione del “Premio Maconi” (2019). Ora, di fronte alla notizia  della sua scomparsa, vogliono ritornare alla sua poesia ricordandolo con la motivazione del Premio e con alcuni suoi versi.

 

 

MOTIVAZIONE

 

GABRIELE GALLONI, Creatura breve, Edizioni Ensemble 2018

 

Creatura breve di Gabriele Galloni, classe 1995, presente nella terna dei finalisti del Premio Maconi sezione Giovane, si avvale di un montaggio accurato. Emerge una precisa sensibilità linguistica, capace di coniugare a una dimensione classica, una più minimalista, a tratti provocatoria, che è anche il tratto più peculiare del poeta. C’è, in Creatura breve, l’alternarsi di quadri contrastanti: tra concretezza e visionarietà, profondità e leggerezza, descrizione e intuizione sensibile e sensoriale – sonorità, tatto, voyeurismo – che di volta in volta suggeriscono un dettaglio di osservazione. Galloni nei suoi versi applica un’intersezione, un innesto tra il grande movimento della morte e la piccola porzione di vita che procede anche per sospensioni e mancanze. I morti, in fondo, come insegna Giovanni Giudici, divengono un pretesto per parlare dei vivi e del mondo che si fa cosa sensibile. Una scrittura che ha anche la capacità di raffreddarsi procedendo per sottrazioni e spiazzamenti rivelando un senso dell’esistere, quasi sempre in difetto, ma proprio dall’assenza, dalla privazione a cui l’esistenza sarà soggetta, Galloni riesce a evocare quella realtà pregressa che ci indicava la fine già nell’inizio: l’acqua per esempio, secolarmente simbolo di vita, diviene anche “la cosa che ti anticipa e ti chiude”. Versi misurati e in equilibrio. In questo modo l’autore elabora una trama collettiva di vivi e di morti che si sovrappongono, rispettivamente mai esauriti nel loro stato, così i morti continuano a vivere quanto i vivi non lo sono mai del tutto.  Una poesia che fa della decostruzione – talvolta non senza una sobria ironia –  la sua forza, cogliendo i punti di crisi, il disagio e i cedimenti di senso dell’esistenza.

Mary Barbara Tolusso

 

 

Da Creatura breve (Edizioni Ensemble, 2018)

 

Fabula

Volle provare la dissoluzione
della carne. Provarla con coscienza.
Rendersi terra fertile, ma senza
morire; vivo senza soluzione.

 

Pro Verbis #4

E saremo l’Immagine dell’uomo.
Non la creatura breve, ma la traccia.

 

Fabula
Il tin-tin-tin-tinnio della moneta
caduta in terra l’attimo a precedere
lo scoppio. Il corpo asciutto dell’atleta
fa un balzo indietro; un altro sparo. Scivola
cosciente ancora il maratoneta
fra gli sconfitti della terra, rantola,
si aggrappa ai concorrenti che lo superano
pensando un incidente, un contrattempo
di piedi in fallo.
               Sangue poco o niente.

 

 

Teatro Fontana

Filmato a cura di Marco Pelliccioli e Luca Minola su

Le parole semplici di Farbrizio Bernini.

 

Partecipano

Mary B. Tolusso, Alberto Bertoni, Marco Pelliccioli, Alessandro Canzian

che leggono alcune poesie tratte dalle loro opere edite da Stampa 2009

 

 

Freschi di stampa – giugno 2020

Ultime uscite “la Collana”

Recensioni

Poesia da camera, recensione di Sergio Roic, ExtraSette - Magazine Corriere del Ticino, 6 settembre 2020
Società Italiana Spiriti, recensione di Enza Barbagallo, «La Sicilia», 29 luglio 2020

Un'iniziativa a favore del Dipartimento della Protezione Civile.

 

Un libro di ritratti femminili da leggere esclusivamente online facendo una piccola donazione sul conto corrente del Dipartimento della Protezione Civile dedicato al

Fondo per l'acquisizione di dispositivi di protezione individuali e di attrezzature sanitarie.

 

Scopri come su

www.gliocchidilei.it

 

Autore ed editore non hanno alcun ritorno economico da questa iniziativa.

 

NEWS… NEWS… NEWS…

 

Una prosa poetica di Alessandro Pancotti per questa estate

STEVEN GERRARD

 

Un giorno d’estate giravo in Vespa con le gambe accavallate, la città silenziosa, assolata, talmente – che si sentivano le foglie calde e il vento caldo e il rumore solo e ripetitivo del motorino a spasso.
Indossavo la maglia dell’Inghilterra, quella di Gerrard, bianca, numero quattro, i pantaloncini beige e un vecchio paio di Sebago vinaccia.
Venendo da via dei Giardini, mentre svoltavo per via Pisoni ho notato una ragazza camminare. L’ho guardata appena e ho appoggiato sbuffando i gomiti sul manubrio. Deve essersi sorpresa... Mentre aspettavo che attraversasse, chissà perché mi ha sorriso, mi ha detto ciao – che quasi si sente ai piani alti... e nel silenzio grande della via, con la sua mappa, mi ha mosso un cenno, un saluto, prima di svanire. L’ho guardata bene, ho sorriso anch’io, di gusto, così – e ripartendo ho sentito come una vacanza.

 

Alessandro Pancotti

 

Ultime uscite “I quaderni de la Collana”

Recensioni

Ultime uscite

 

 

 

 

 

 

II EDIZIONE

ampliata con più racconti

Dal laboratorio di scrittura creativa in collaborazione con l'Università degli Studi di Milano, Giuliana Nuvoli ha tratto questo libro di racconti scritti da reclusi del carcere di Opera e da studenti dell'università.

Recensioni

Recensione di Luigi Troiani, Oggi, 22 ma[...]
Documento Adobe Acrobat [148.9 KB]

 

 

 

 

 

 

Il secondo volume di medicina narrativa da Isabella Bossi Fedrigotti e Maurizio Cucchi.

 

A cura e con il contributo della Dott.ssa Alessandra Boratti,

psicologa psicoterapeuta.

Il Libraccio, via Giulini, Como

Visitatori